Africa

Quando andare alle Mauritius? I periodi migliori

maggio 13, 2017
mauritius

Come una perla verde e lussureggiante, Mauritius è un’isola dalla dimensione importante, geo-localizzata a sud dell’equatore, quindi nella fascia tropicale dell’emisfero australe, poco al di sopra della linea immaginaria del Tropico del Capricorno, ad est della grande isola del Madagascar, nel pieno Oceano Indiano.

Continue Reading…

Olanda

Cosa vedere a Rotterdam: la guida di viaggio

aprile 23, 2017
rotterdam

Se c’è una città in Olanda che racchiude le caratteristiche tipiche di questo paese è Rotterdam: giovanile, eco-sostenibile e tollerante. I bombardamenti del 1940 l’hanno distrutta, ma ha saputo rinascere mostrando al visitatore la sua anima.

Rotterdam i luoghi di interesse:

Rotterdam centro

Il monumento simbolo di Rotterdam è l'”Erasmusburg“, un ponte costruito in acciaio sul fiume Nieuwe Maas alla fine degli anni ’80 con il caratteristico pilone centrale inclinato: imperdibile la navigazione a bordo del moderno battello “Spido” sia per appurare la maestosità di questa struttura sia per godere dello skyline di Rotterdam.
Il ponte collega il moderno quartiere di “Kop-Van-Zuid” con il centro storico della città che di antico ha solamente un vecchio ufficio postale, il municipio e la splendida “Chiesa di Sint Laurens” edificata in pietra tra il ‘400 ed il ‘500 affacciata su “Piazza Laurenskerk” dove si trova la statua in bronzo del 1622 del filosofo Erasmo da Rotterdam.
Tra gli edifici più belli della città c’è il “Witte Huis“, costruito con più di 1000 pali nel terreno e affacciato sul pittoresco “Oude Haven”, il porto antico, ricco di barche ormeggiate e caffetterie in riva all’acqua, e con a due passi il “Markthal”, il primo mercato coperto d’Olanda ricco di colori e profumi tutto da scoprire.

I Musei di Rotterdam

Tra i musei più importanti di Rotterdam c’è il “Museum Boijmans-Van Beuningen” dove sono esposte opere di artisti olandesi e internazionali, da Van Gogh a Rembrandt, da Rubens a Ruisdael: all’ingresso si è accolti dalla fantastica giostra-guardaroba “Merry Go Round Coatrack”.
Percorrendo la strada trendy Witte de Withstraat si incontrano al n.50 due musei dedicati all’arte contemporanea, il “TENT” ed il “Witte de With“. Da questa strada si accede all’area museale “Museumpark” dove si trova il “Kunsthal” che ospita almeno 25 esposizioni all’anno, sempre diverse e nuove.

Le Case cubiche di Rotterdam

Rotterdam ospita quelle che sono considerate vere opere d’arte: sono le “Kijk-Kubus“, le case cubiche realizzate negli anni ’70 da Piet Blom: nella zona del porto antico sorgono queste rivoluzionarie case grigie e gialle “sottosopra”, a forma di cubi capovolte e inclinati di 45° .
L’architetto ha voluto realizzare un bosco stilizzato, il “Blaakse Bos”, e un museo presente in una delle case che espone la storia e le caratteristiche di questa genialità architettonica.

Guida Rotterdam: come arrivare e dove alloggiare

Rotterdam è raggiungibile dall'”The Hague Airport” che collega la città con i principali paesi europei: dallo scalo il centro della città è raggiungibile tramite autobus o bus navetta.
La stazione “Rotterdam Central Station” collega la città con i maggiori centri olandesi ed europei quali Parigi, Anversa e Bruxelles.
Si può raggiungere Rotterdam via mare dal Regno Unito o su strada in autobus con “Eurolines”.

Per dormire a Rotterdam sono consigliate tre soluzioni per tutte le tasche: lo “Stayokay“, ostello nelle case cubiche; l’orientaleggiante “Hotel Bazar” in Witte de Withstraat; il moderno e lussuoso “Mainport Hotel” e lo storico “Hotel New York” antica sede di una compagnia navale per le Americhe.

Italia

Rimini, una città dalla doppia anima

aprile 10, 2017
rimini

Rimini è da sempre una delle mete vacanziere più scelte dagli italiani. Le ragioni sono semplici: la presenza del mare, buon cibo, strutture ricettive di alta professionalità, luoghi per il divertimento e per lo svago come club e discoteche. La proverbiale cordialità e simpatia dei riminesi è un dato che fa parte ormai del patrimonio culturale italiano. C’è però un aspetto di Rimini Continue Reading…

Russia

San Pietroburgo cosa vedere. I luoghi di interesse che non puoi lasciarti sfuggire

marzo 14, 2017
San Pietroburgo

San Pietroburgo risulta essere, dopo Mosca, la seconda città della Russia. E’ una città ricca di storia, dallo stile imperiale e particolarmente ricca di fascino tanto da ispirare scrittori come Puskin e Dostoevsky.

Cosa vedere a San Pietroburgo

Se ci si trova a visitare San Pietroburgo le cose da vedere sono veramente tante, probabilmente se si hanno a disposizione pochi giorni è necessario fare una cernita dei luoghi più belli da non lasciarsi sfuggire.
Innanzitutto bisogna visitare l’Ermitage che è uno dei musei più prestigiosi esistenti nel mondo sia per le sue dimensioni che per la quantità di opere che contiene e custodisce. All’interno del museo è possibile individuare chiaramente lo sviluppo delle arti figurative mondiali dal periodo della preistoria fino all’arte contemporanea. L’Ermitage contiene capolavori di Caravaggio, Leonardo da Vinci, Rembrandt, Raffaello, Rubens, Van Gogh, Renoir, Cezanne, Picasso, Matisse.
Altra opera monumentale è il Palazzo d’inverno, un immenso castello in stile barocco dalla facciata verde e colonne bianche divenuto residenza degli zar. Si trova all’interno di Piazza del Popolo
Il Complesso del Peterhof è un’altra meraviglia presente a San Pietroburgo da non perdere. E’ un complesso formato da edifici, fontane, giardini, cascate pensato da Pietro I che ricercava un posto lontano dalla città in cui potersi rifugiare e rilassarsi e che emulasse in qualche modo la reggia di Versailles. Nonostante il palazzo si presenti maestoso mantiene uno stile sobrio almeno esternamente mentre all’interno vige uno sfarzo fuori da comune.
Inoltre una visita alla Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato è d’obbligo. Questo monumento forse è uno dei simboli di San Pietroburgo con le sue cupole a forma di cipolle dagli smalti e dalle piastrelle variopinte che si ergono nel cielo offrendo agli spettatori uno spettacolo caratteristico. Il campanile raggiunge 81 metri e all’interno la collezione di mosaici presente è favolosa.
Infine è possibile ammirare la monumentale Cattedrale di Sant’Isacco che è maestosa, sfarzosa, con ben 112 colonne monolitiche in granito rosso che non può lasciare indifferenti chi l’ammira.

Una volta nutrito lo spirito con queste opere d’arte è possibile anche riempire la pancia approfittando di locali e ristoranti che offrono ai turisti i piatti tipici russi come:

  • la borsc ossia una zuppa composta da brodo di carne o di pollo con barbabietole, patate, cavoli e altre verdure, generalmente viene servita con panna fresca
  • i pelmeni ossia un tipo di pasta fresca farcita con carne macinata
  • i golubtsi ossia palline di carne macinata e riso, accompagnate da cavolo, salsa di pomodoro e spezie
  • i pirozki ossia dolci pieni di marmellata.
Italia

Civita di Bagnoreggio: come arrivare e dove si trova

febbraio 14, 2017
civita di bagnoregio

Civita di Bagnoreggio: dove si trova

Quanti dei turisti che visitano una perla come Orvieto sanno di trovarsi a due passi da un gioiello come Civita di Bagnoregio? Temiamo pochi, perché non è abbastanza noto il nome di questo borgo fra i più belli d’Italia, situato nel nord del Lazio in provincia di Viterbo, fra il lago di Bolsena e la Val Tiberina. Continue Reading…

Destinazioni

I 10 grattacieli più alti del mondo: la classifica

dicembre 24, 2016
grattacieli piu alti del mondo

Toccare il cielo con un dito potrebbe non sembrarvi più solo un’espressione metaforica se doveste trovarvi su uno dei grattacieli più alti del mondo. Se vi state domandando quali siano quelli più alti, qui di seguito ecco la classifica aggiornata ad oggi, con l’avvertenza che tra pochi anni vedrà la luce la Kingdom Tower di Gedda, che sarà il primo edificio di questo tipo ad arrivare ad oltre…1000 metri, per la precisione 1007. Ma al momento, quali sono i grattacieli più alti del mondo? Ecco i primi dieci in ordine crescente.

Al decimo posto, con i suoi 450 metri, troviamo il primo grattacielo cinese di questa graduatoria, ovvero il Greenland Square Zifeng Tower. Situato a Nanchino, si compone di 89 piani e arrivati a circa 290 metri d altezza (corrispondenti al 72°piano) si ha modo di vedere praticamente il miglior skyline di questa città.
Al nono e ottavo posto troviamo un colosso di 452 metri costruito a Kuala Lampur. Sarebbe meglio dire colossi, visto che parliamo delle Petronas Twin Towers, le quali si estendono per 88 piani e si possono considerare il fiore all’occhiello del progresso del Paese. Cesar Pelli, l’architetto che le ha progettate, ha voluto rendere omaggio alla religione islamica, visto che la piantina di questi due grattacieli è legata alla iconografia religiosa della Malesia e del mondo musulmano in generale.
In una classifica del genere non può certo mancare Hong Kong: il grattacielo più alto di questa importante realtà economica a livello mondiale è l’International Commerce Centre, che si staglia in altezza per 484 metri, su cui sono distribuiti 118 piani. Una curiosità: il progetto originario prevedeva un’altezza pari a 574 metri, ma in questo modo la costruzione avrebbe superato l’altezza della montagne, cosa che qui è vietata per legge.

La Cina fa la parte del leone e piazza il secondo grattacielo già al sesto posto, anche se lo Shanghai World Financial Center, ritrovato della tecnica di 492 metri per un totale di 101 piani, ha visto la luce in particolar modo grazie a fondi privati provenienti dal Sol Levante.
Si è capito che l’Asia fa la parte del leone e non è un caso che il quinto posto veda l’originale Taipei 101 con il suo 508 metri e, ovviamente 101 piani. Due sono le caratteristiche che lo rendono assolutamente originale: il fatto che alla lontana ricordi un bambù e che su ciascuno dei sui quattro lati sono raffigurate monete e nuvole, scelta fatta scientemente da chi lo ha progettato.
L’Occidente, una volta dominatore di questa classifica, è ai piedi del podio con la Freedom Tower, inaugurata solo due anni fa sulle ceneri di quelle che erano le Torri Gemelle. La sua altezza è pari a 541 metri.

La Mecca dal 2012 non è più solo la città sacra dell’Islam per eccellenza, ma è anche la città dove si trova il terzo grattacielo più alto a livello mondiale. Stiamo parlando dell’Abraj Al Bait Tower, che stacca di circa 50 metri la Freedom Tower, arrivando a 601 metri.
Ci avviciniamo, volendo utilizzare un gioco di parole, alla vetta: e ancora una volta si deve andare in Cina e salire fino a 632 metri dal suolo per arrivare in cima alla Shangai Tower, che si trova in una delle più importanti città della seconda (o forse ormai prima) superpotenza planetaria. La sua forma è decisamente originale, ricordando quella di nove cilindri uno sopra l’altro.
E arriviamo finalmente al punto più alto di questa classifica: a 828 metri di altezza troviamo ll Burj Khalifa. Questo edificio, che si trova a Dubai, detiene diversi primati, tra cui quello di avere gli ascensori più veloci a livello mondiale.

E in Italia quali sono i grattacieli più alti?

Il più alto di tutti si trova a Milano ed è la Torre Unicredit, la cui costruzione è assai recente, essendo stato ultimato quattro anni fa. Si staglia per 231 metri e vanta 31 piani.
Il secondo grattacielo più alto del Bepaese si trova sempre nel Nord Italia e supera anch’esso i 200 metri, fermandosi a 209. Stiamo parlando del Grattacielo della Regione Piemonte, che mentre scriviamo è ancora in costruzione.
Infine, su questo podio, troviamo ancora Milano con la Torre Allianz, che i cittadini milanesi chiamano anche “il Dritto”. Questo edificio, che si ferma a 207 metri, risulta un esempio di collaborazione tra eccellenze italiane e internazionali, essendo nato dal genio di Andrea Maffei e del nipponico Arata Isozaki.