America

Le più belle isole caraibiche

giugno 22, 2017
isole caraibiche

Nell’immaginario collettivo i Caraibi sono sinonimo di mare turchese, di spiagge bianche, rosa o nere vulcaniche ombreggiate da palmeti e puro relax.
Il Mar dei Caraibi è punteggiato da decine e decine di isole più o meno famose, dalla Giamaica a Cuba, dalla Repubblica Domenicana ad Haiti ricche non solo di scorci naturalistici da sogno, ma anche di tradizioni frutto della storia che le ha attraversate.

Tra queste Antigua fa sognare con le sue acque turchesi e le sue numerosissime spiagge che le hanno reso il soprannome de “l’isola delle 365 spiagge”: imperdibile tra queste la “Galley Bay” dove nidificano le tartarughe marine.
Il mare dalle tonalità magiche è meta degli appassionati di snorkeling e immersioni grazie ai caleidoscopici fondali custodi della barriera corallina, al centro della quale si trova “Strigray City” una zona popolata dalle leggiadre razze.
La bellezza di Antigua sta anche nelle memorie storiche che custodisce a partire dalla grande piantagione di canne da zucchero, “Betty’s Hope”, dove si respira l’aria coloniale di un tempo col vecchio mulino di pietra e la vecchia fabbrica di cotone. Un’altro luogo ricco di storia è il “Dockyard Museum” ricco di cimeli legati all’ammiraglio Nelson che fece di Antigua il suo quartier generale tra il 1784 ed il 1789.

Tra le isole caraibiche, le più eleganti sono poi le Isole Vergini Britanniche da scoprire in barca coccolati da un mare cristallino.
Più di 40 isolotti in parte disabitati ma ricchi di paesaggi splendidi, dalla candide spiagge dell’isola di Jost Van Dyke alla grande Tortola, che è quella su cui approdano le grandi navi da crociera e dove si trova una delle spiagge più belle al mondo, la “Cane Garden Bay”.
Ma il luogo più spettacolare si cela sulla Virgin Gorda, come l’aveva battezzata Cristoforo Colombo, dove si trova “The Baths”, un insieme di spiaggette nascoste da massi modellati dagli elementi: le piscine naturali e le grotte rendono questo posto assolutamente indimenticabile.

L’isola di Santa Lucia sembra l’isola di Robinson Crusoe, affascinante ma nello stesso tempo carica di quella inquietudine esercitata sul visitatore dai “Pitons”, due aguzzi picchi vulcanici riconosciuti patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
La bellezza di Santa Lucia è legata alla varietà di paesaggi e di ecosistemi: non solo dorate spiagge, come la “Reduit Beach”, baciate da un mare turchese, ma anche una verdeggiante foresta pluviale. Impossibile non restare ammaliati dalla “Marigot Bay”, dove strabilia il contrasto tra l’azzuro del mare e la verde vegetazione dei pendii che la avvolgono.

E’ “Riserva Mondiale della Biosfera”: basta questo per volare a Guadalupa, isola dominata dal vulcano Soufriere.
Passeggiare nel “Parco Nazionale della Guadalupa” significa ammirare più di 300 specie di alberi, innumerevoli tipi di colorate orchidee, senza contare gli uccelli e i mammiferi che abitano l’isola.
Guadalupa è certo ricca di spiagge, come la “Bois Jolan” e la vulcanica “Plage de Cluny”, ma sopratutto di lagune dove bagnarsi sotto il getto di cascatelle nelle incantevoli “Cascade Aux Ecrevisses”.

No Comments

Leave a Reply