Browsing Category

Italia

Chianti

Chianti in camper Goboony

aprile 29, 2019

Il Chianti è la meta perfetta per chi vuole scoprire le dolci colline della Toscana a bordo di un camper. Paesaggi e borghi tra i più belli d’Europa sono la meta perfetta per una vacanza in libertà a contatto con la natura ed il bello.

Grazie ai servizi offerti dalla start up olandese Goboony è possibile utilizzare un camper in sharing mobility.

I castelli del Chianti

Una tappa imprescindibile di un viaggio in camper passa da Gaiole in Chianti, lungo il dolce torrente del Massellone. Qui ci si deve fermare per ammirare gli edifici del borgo antico ed assaporare un ottimo bicchiere di chianti mentre si osserva il panorama circostante, bello e dolce, tipicamente toscano.

Dopo Graiole si può fare tappa al  Castello di Brolio, diventato famoso perché è il luogo in cui Ricasoli studia e crea il Chianti Classico. Oltre tutto ciò che riguarda il vino, vale la pena visitare i i giardini curati e perfetti come quelli di un quadro antico. Da vedere anche  Cappella di San Jacopo e il Museo della Collezione Ricasoli

Il Castello di Meleto è anche questa una tappa importante, qui si osservano ginepri e cipressi oltre che alla bella struttura architettonica anche essa di proprietà della famiglia Ricasoli.

Poi il viaggio prosegue per Radda, una tappa molto particolare: anche qui atmosfere medievali. Siamo su una altura tra le valli del Pesa e dell’Arbia. I tipici vicoli stretti di Radda nascondono scorci molto particolari come il  Palazzo del Podestà, la Chiesa di San Niccolò, il Convento Francescano di Santa Maria in Prato ed il Museo d’Arte Sacra del Chianti.

Chianti tra buon vino ed ottimo cibo

Viaggiare in camper Goboony oltre che rendere facile la scoperta del Chianti dà la possibilità di soste enograstronomiche di livello.

Se si percorre la Chiantigiana, o ‘strada 222’ tra Firenze e Siena si possono ammirare i vigneti e sostare tra casali e cantine ad assaggiare il vino locale. Qui il Chianti è quello vero non certo quello che si reperisce nella Grande Distribuzione. Qui si può comprare direttamente dal produttore  Il Vino Chianti Classico D.O.C.G. .

Anche l’olio qui è differente.  L’Olio di Oliva Chianti Classico D.O.P è ottimo ed è ricavato dalle olive Moraiolo, Frantoio, Leccino e Correggilo, prodotte nel territorio.

Ovviamente i piatti da assaggiare sono differenti: noi vi consigliamo la fettunta o pan con l’olio.

Un viaggio in camper alla scoperta del Chianti non deluderà di certo anzi lascerà una infinità di foto come cartoline d’altri tempi tra verdi campi e distese di viti ed uliveti.

Italia

Teramo e provincia una vacanza tra mare e archeologia

marzo 13, 2019

La provincia di Teramo si presenta come una delle mete turistiche più interessanti e versatili di tutto l’Abruzzo. Oltre al bellissimo mare e alle finissime spiagge, i turisti possono trovare anche numerose testimonianze legate alla storia e, persino, all’archeologia. Nel territorio di Teramo e della sua provincia, infatti, sono stati evidenziati numerosi ritrovamenti archeologici risalenti alle epoche romana e preromana e, in alcuni casi, anche alla preistoria; alcuni ritrovamenti rinvenuti nella Val Vibrata, risalgono al neolitico, cioè a circa 5500 anni fa.

L’epoca romana

Di epoca romana è il sito archeologico di Castrum Truentinum, nel comune di Martinsicuro.

Della città, che si trovava alla foce del fiume Tronto, restano tracce di strade e costruzioni (prevalentemente magazzini), di ceramiche e di alcune monete. Ciò lascia pensare che la città fosse un importante centro di smistamento delle merci che affluivano dal mare verso l’interno. Castrum Truentinum seguitò a godere di ottima vitalità fino all’epoca del Tardo Impero (periodo che va dalla presa di potere di Diocleziano, nel 284, alla caduta dell’Impero romano d’Occidente nel 476, anno in cui venne deposto l’ultimo imperatore legittimo, Romolo Augusto), quando venne distrutta da Goti e Ostrogoti. Gli abitanti fuggirono verso l’interno, rifugiandosi sulle alture e molti si stabilirono nella zona di Colonnella, dove, in contrada San Martino, è stata ritrovata, in ottimo stato di conservazione, una grande cisterna per l’acqua.

Un altro sito archeologico di epoca romana sono i resti della città di Castrum Novum, l’attuale Giulianova. Fondata da Piceni, la città fu colonizzata dai Romani nel 264 a.C. e devastata, in seguito, dalle invasioni barbariche. Nella zona Sud di Giulianova sono stati trovati tratti di una pavimentazione a mosaico e grossi conci di travertino che facevano, probabilmente, parte di una villa romana. Chi fosse interessato a visitare i suggestivi scavi può trovare sul portale turistico Giulianova.it la sistemazione più adatta alle proprie esigenze.

Infine Teramo, principale centro dei Pretuzi, gli antichi abitanti di questa parte d’Abruzzo, conquistata poi dai Romani che le diedero il nome di “Interamnia”, città posta tra i fiumi. Alcune tombe risalenti all’età del ferro sono l’unica testimonianza dell’epoca pre-romana.

Di epoca romana sono invece il teatro (che poteva contenere fino a 3000 spettatori) e l’anfiteatro; entrambi risalgono all’epoca augustea e presentano un buono stato di conservazione. Di epoca repubblicana è invece la Dominus del leone, che presenta un grande atrio dal pavimento a mosaico, composto da tessere di pietre colorate, dal quale si accede al tablino con un pavimento a mosaico a cassettoni che rappresenta un leone che lotta con un serpente. Lo stile e la tecnica dei mosaici permettono di datarli al I secolo d.C., mentre l’ampiezza dell’atrio e la posizione della casa, che si trovava vicino al foro della città, fanno pensare fosse l’abitazione di un alto magistrato romano.

La preistoria

Particolarmente importanti sono gli scavi di Ripoli, frazione di Corropoli, che hanno portato alla luce i resti di un villaggio neolitico che presenta resti di capanne, di ceramiche e di tombe. Un’altra necropoli molto antica è quella di Campovolano, frazione di Campli, dove nel 1967 hanno avuto inizio gli scavi che hanno portato alla luce circa 600 tombe, risalenti a un periodo che va dall’età del bronzo all’epoca romana. Le tombe presentano dei corredi funerari costituiti principalmente da vasi in ceramica e altri oggetti personali, a seconda che si tratti di sepolture di uomini o di donne.

Particolarmente suggestivo è il percorso espositivo del Museo Archeologico Nazionale di Campli, che si avvale di ricostruzioni grafiche e ambientali molto dettagliate e curate, e che spiega, tra le altre cose, l’evoluzione del rito funerario presso un’etnia del popolo pretuzio di ambito culturale medio-adriatico o piceno; la vita quotidiana nei villaggi nel corso dell’età del Bronzo e offre una ricostruzione minuziosa della tomba di una bambina vissuta nel IX secolo a.C.

Anche nella zona di Tortoreto sono state rinvenute alcune tombe con all’interno oggetti di corredo costituiti da lamine bronzee e un ciondolo con una catenella. Sempre nella zona di Tortoreto, in contrada Muracche, sono stati rinvenuti i resti di una Villa Romana, risalente al I secolo a.C., nei cui magazzini sono stati ritrovati grandi contenitori di terra cotta, torchi e grandi vasche dedicate alla spremitura dell’uva e alla conservazione del mosto.

Altri ritrovamenti di epoca preistorica sono stati effettuati nella Grotta Sant’Angelo a Civitella del Tronto. All’interno della grotta sono, infatti, stati ritrovati oggetti in osso, alcune lame e ceramiche che presentano una datazione che va dall’epoca neolitica a quella romana.

Italia

Le Sette sorelle e la costa teramana

marzo 13, 2019

Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto e Silvi. Sono le Sette Sorelle che, da nord a sud, accolgono ogni anno sulla costa teramana numerosissimi turisti alla ricerca di uno splendido soggiorno tra mare, natura, divertimento e relax.

Queste fiorenti località marittime devono il loro successo alle fortunate caratteristiche del territorio e alla notevole esperienza e qualità delle strutture ricettive presenti.

La zona, infatti, è rinomata per gli eccellenti servizi: alberghi, residence, bed & breakfast, campeggi, villaggi e resort di pregio come Il Parco sul mare a Tortoreto, a cui si aggiungono numerosi stabilimenti balneari sempre più attrezzati con aree sportive e ristoranti.

Caratterizzati da chilometri di costa con spiagge dorate, sabbiose e dai fondali poco profondi, come quella di Alba Adriatica, conosciuta anche come la Spiaggia d’Argento, per via della sua sabbia che pare argentea alla luce del sole o quella di Silvi, una delle più blasonate dell’intera regione Abruzzo, soprannominata la Perla dell’Adriatico; questi luoghi si rivelano particolarmente adatti alle famiglie che vogliono vivere una vacanza divertente e rilassante; presentano, infatti, numerose caratteristiche che sono vicine alle esigenze dei più piccoli.

Oltre alle splendide spiagge dotate di stabilimenti balneari sempre più attrezzati e all’incantevole mare insignito del pregiato riconoscimento internazionale della Bandiera Blu, la zona offre inoltre la possibilità di visitare i caratteristici borghi situati nell’adiacente zona collinare, come, ad esempio, Tortoreto Alta, sede della rievocazione storica del Palio del Barone, una manifestazione che si riallaccia ad antiche tradizioni del XIII secolo.

Nonostante la sua forte vocazione per il turismo balneare, infatti, questo tratto di costa abruzzese è il luogo di vacanza ideale anche per gli amanti della natura; essi troveranno a loro disposizione numerosi tratti di spiaggia davvero unici, come la spiaggia situata tra Giulianova e Roseto degli Abruzzi, o il litorale di Pineto, caratterizzato dalla presenza dei maestosi pini selvatici del Mediterraneo. A pochi chilometri di distanza da Roseto degli Abruzzi è possibile visitare anche la Riserva Naturale Regionale Oasi WWF Calanchi di Atri e le Gole del Salinello, con le sue particolari grotte e insenature rocciose.

Oltre alla natura rigogliosa e al mare incantevole la costa teramana offre al turista anche una buona quantità di importanti monumenti da ammirare.

Un esempio per tutti è l’antico torrione sulla spiaggia del Cerrano, nel comune di Pineto, che conferisce un fascino unico a questo luogo. Di fronte alla Torre, immerso fra le acque, si trova quello che in molti indicano come l’antico porto della città di Hadria, probabilmente di epoca romana.

Nel tratto che va dal fiume Trigno al fiume Tronto, di torri d’avvistamento edificate dagli spagnoli nel XVI secolo ce n’erano molte. Ne sono oggi testimonianza la Torre di Carlo V a Martinsicuro, in cui ha sede il Museo archeologico, e la Torre della Vibrata ad Alba Adriatica, a testimonianza della ricchezza che la riviera teramana può offrire anche dal punto di vista archeologico e culturale.

Tra i monumenti da visitare assolutamente vi sono anche il Duomo di San Flaviano, basilica risalente al periodo tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo, e la Chiesa di Sant’Anna, costruita nel Quattrocento e progettata dal noto architetto senese, Francesco Di Giorgio Martini, che sorgono entrambi nel centro storico di Giulianova.

Estremamente ricca è, inoltre, la programmazione offerta da ogni comune relativa a imperdibili eventi e appuntamenti culturali: concerti, manifestazioni, serate d’animazione e numerose manifestazioni di carattere eno-gastronomico, volti alla scoperta delle peculiarità culinarie della regione. Ma non solo; nella zona sono presenti anche un acquapark, un kartodromo, maneggi per cavalli, pub e discoteche che mirano a soddisfare anche le esigenze del pubblico più giovane, amante del divertimento e della vita notturna.

La costa teramana rappresenta dunque una zona turistica magnifica dal punto di vista naturalistico e non solo. L’offerta turistica, completa e attenta ai servizi offerti, rende il litorale teramano un luogo ideale per famiglie e ragazzi, grazie anche alla presenza di campeggi e villaggi turistici vicini alle attuali esigenze dei visitatori, sempre più alla ricerca di un turismo dalla qualità certificata.

Italia

Un perfetto itinerario in Maremma

gennaio 24, 2019
maremma

La Maremma è una zona che si trova nel sud della Toscana. Nota per l’omonimo Parco naturale, in Maremma sono presenti anche alcune tra le più belle spiagge d’Italia, così come spettacolari borghi medioevali, città d’arte, piccoli paeselli arroccati tra gli scogli. Organizzando un buon itinerario è possibile trascorrere una buona vacanza in Maremma in qualsiasi periodo dell’anno. Continue Reading…

Italia

Cosa vedere a Pisa in 2 giorni

novembre 9, 2018
pisa

Pisa è sicuramente una delle tante città italiane ad avere un fascino incredibile, oltre che ad essere una zona in cui la cultura, l’arte e l’architettura hanno conosciuto nei secoli scorsi un’ampia diffusione. Famosa per la Torre pendente, Pisa vanta anche numerose altre attrattive per cui vale la pena recarsi in un viaggio di due giorni alla scoperta delle sue particolarità. Continue Reading…

Italia

Vino Franciacorta

ottobre 23, 2018
franciacorta

Parlare del vino in Franciacorta vuol dire rievocare una storia che affonda le proprie radici addirittura nel Cinquecento: a quell’epoca, infatti, nel territorio lombardo si consumava il vino mordace. Solo alla fine degli anni Cinquanta del Novecento, con la riscoperta dell’enologia, si ritrova fiducia nella possibilità di realizzare vini-base che possano essere spumantizzati. Continue Reading…

Italia

Ragusa Ibla: i luoghi imperdibili

settembre 10, 2018
ragusa ibla

Tra le città siciliane che meritano di essere visitate almeno una volta nella vita vi è senza dubbio Ragusa, nota per essere la città più a sud di tutta l’Italia. Questa realtà è entrata a far parte dell’Unesco Continue Reading…

Italia

Tour tra i borghi umbri

agosto 1, 2018
orvieto

L’Italia è nota in tutto il mondo per i bellissimi borghi che si possono visitare. Tra le regioni di maggior interesse da questo punto di vista spicca sicuramente l’Umbria. Quali sono i borghi assolutamente da scoprire in questa regione? Continue Reading…

Italia

I migliori locali turistici dove mangiare piatti tipici toscani

luglio 12, 2018
ristorante toscano
L’estate è finalmente iniziata e di conseguenza anche le vacanze di molti italiani. In questi ultimi tempi sempre più persone decidono di passare le proprie ferie e giorni liberi in delle località italiane e una delle mete più scelte e consigliate è la Toscana. Questa meravigliosa regione, piena di storia e scorci mozzafiato, è anche famosa per la sua deliziosa cucina tipica, che va incontro ai gusti di tutti, anche di coloro che hanno il palato più esigente.

Continue Reading…