Italia

Tour in Costiera Amalfitana: cose da fare e mangiare

maggio 17, 2016
costiera amalfitana

L’Italia è una delle mete più ambite dai turisti per l’arte e per i paesaggi mozzafiato. Una delle destinazioni che maggiormente viene apprezzata dagli italiani e dai turisti stranieri è la Costiera Amalfitana. Come organizzare una vacanza sulla Divina? Cosa fare durante il proprio tour sulla costa d’Amalfi? In questo articolo cerchiamo di costruire una piccola guida sulle specialità culinarie del territorio e sulle attività da svolgere in questa zona, entrata a far parte del patrimonio dell’Unesco per la sua bellezza.

La Costiera Amalfitana: i borghi

Lungo questa splendida costa si trovano tredici località, caratterizzata da diverse tradizioni culinarie e diverse caratteristiche. La prima cittadina è Amalfi, che dà il nome a tutta la costa. Vi sono poi Vietri sul Mare, famosa in tutto il mondo per le ceramiche pregiate, Cetara, piccolo borgo di pescatori, Maiori, caratterizzata per la sua ampia spiaggia, Minori, ossia la residenza estiva dei Romani, Ravello, paesino della musica. Seguono il borgo di Scala, che rappresenta il centro più antico della Divina, Atrani, il quale invece rappresenta il comune più piccolo di tutta quanta l’Europa, Conca dei Marini dove è possibile visitare la nota e meravigliosa Grotta dello Smeraldo. Le meraviglie della costa non terminano qui, durante il tour si possono visitare Furore e i suoi fiordi frastagliati, Praiano (residenza estiva dei Dogi d’Amalfi), Positano e Tramonti per concludere. Le località da visitare non mancano: dopo questo breve accenno a tutti i borghi della Costa D’Amalfi ecco qualche breve consiglio sulle attività e le visite preferite dai turisti.

Cosa da vedere nella Costiera Amalfitana

Maiori, spiegano nelle loro recensioni i colleghi di www.costieraamalfitana.com, è il borgo ideale per alloggiare, in quanto si trova a metà strada tra Salerno ed Amalfi e permette di raggiungere facilmente Ravello, Amalfi e Positano da una parte e dall’altra rende facili le visite a Vietri sul Mare e il capoluogo Salerno.  La sua spiaggia ampia è particolarmente apprezzata da chi vuole passare una giornata di relax al mare. Da qui si raggiunge, appunto Amalfi, dove è consigliato visitare il centro, il Duomo romanico barocco e l’antica cartiera. Da Amalfi ci si può recare a Positano, famosa, oltre che per le sue stradine, anche per la nota moda di Positano. Chi ama le ceramiche e l’artigianato non può non recarsi a Vietri sul mare, mentre gli amanti della speleologia e delle grotte non possono perdersi la suggestiva visita alla sopracitata Grotta dello Smeraldo di Furore, magari recandocisi in barca e godendo della bellezza del fiordo e del mare. Infine Ravello offre visite alle storiche ville. La Costiera offre anche bellissimi paesaggi boschivi: tra gli itinerari e le escursioni sono particolarmente gradite le gite sul sentiero degli Dei, al fiordo di Furore e nella riserva naturale della Valle delle Ferriere.

Costiera d’Amalfi: tradizioni e cibo

Le bellezze paesaggistiche ed artistiche non sono le uniche attrazioni turistiche: questa zona d’Italia offre anche prelibatezze culinarie irrinunciabili e famose in tutto il mondo, a partire dal limoncello, ricavato dal pregiato limone d’Amalfi. Questo agrume è noto ed esportato in tutto il mondo, così come il liquore da esso ricavato. Per i più golosi, poi, è presente un dolce davvero particolare, ossia le melanzane al cioccolato. Le origini di questo piatto sono molto antiche e ne esistono più varianti, ma tutte quante riescono a convertire i più scettici. Infine a Minori è possibile assaggiare i dolci prodotti da una delle migliori pasticcerie d’Italia: la Sal De Riso. Naturalmente la Divina e i suoi ristoranti offrono piatti a base di pesce, pizza e altri piatti tipici imperdibili. Anche chi ha bambini può recarsi in vacanza nella Costiera Amalfitana: con un po’ di organizzazione in più la permanenza non sarà resa difficoltosa a causa delle scalinate dei borghi, ma sarà piacevole e rilassante.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply