Italia

Tropea cosa vedere

giugno 2, 2017
tropea

Il conto alla rovescia è iniziato. L’estate è alle porte e nell’aria si respira profumo di vacanze. Preparate le valigie. Si parte per Tropea, la “Perla del Tirreno”.

Il “The Sunday Times” celebra questo piccolo borgo adagiato su una roccia di tufo, a picco sul mare, come la più bella tra venti località turistiche disseminate in Europa.
Mitologia e storia si scontrano. La prima vuole che Tropea sia stata fondata da Ercole, la seconda da Scipione l’Africano.
Come prima tappa non posso non sceglier per voi, il simbolo di Tropea nel mondo, la Chiesa di Santa Maria dell’Isola. Una scalinata, scavata nella roccia, vi condurrà alla chiesa edificata su uno scoglio ed immersa nella caratteristica vegetazione mediterranea. Dagli scogli, lo sguardo spazierà fino alle Eolie. All’interno della chiesa potrete vedere interessanti opere.
Inoltrandovi nel cuore di Tropea apprezzerete il centro storico fatto di palazzi antichi, botteghe artigiane e negozi dove acquistare prodotti tipici.
Alzando lo sguardo tra le viuzze, potrete vedere i balconi settecenteschi dei vecchi palazzi e i “Portali“, posti al loro ingresso, con gli stemmi simbolo delle famiglie aristocratiche. Arrivando da Piazza Ercole, attraverso Via Roma, raggiungerete il Duomo di Tropea in stile normanno.
Si tratta del più importante luogo di culto cittadino eretto nel XII secolo sui ruderi di un cimitero bizantino. Al suo interno, sull’Altare maggiore è custodita l’icona della Madonna di Romania, protettrice di Tropea. La tradizione vuole che sia stata proprio lei a proteggere la cittadina dai terremoti, dalle guerre e dalla peste.

Nelle sale dell’antico Palazzo Vescovile, di fronte alla Cattedrale, potrete visitare il Museo Diocesano. Molte opere sono state realizzate da artisti locali come Giuseppe Grimaldi, Gaetano Bagnati, Jacopo Ruffa e Gregorio Zangone. Avrete anche modo di ammirare alcuni pezzi del Tesoro della Cattedrale. In particolare, la statua di Santa Domenica (1738).
Proseguendo per Via Boiano, troverete Palazzo Braghò con il suo meraviglioso portale barocco del 1721 e Palazzo Galli.

Lasciato il centro storico che regala molto altro da vedere, vi consiglio di rilassarvi in una delle meravigliose spiagge che Tropea offre.
Tra le più belle, la spiaggia dell’Occhiale. Qui ammirerete la splendida grotta azzurra. Azzurra perchè, i riflessi del mare e i raggi del sole penetrando tra le fessure delle rocce, colorano l’ambiente.
Prima di lasciare questa incantevole cittadina, non dimenticate di gustare gli involtini di melanzane, i peperoncini ripieni, la N’duja, l’ottimo liquore alla liquirizia e le famose e saporite cipolle rosse di Tropea.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply