Europa, Italia

Sempre più facile arrivare all’isola del Giglio

febbraio 28, 2020

Le isole dell’arcipelago toscano sono tra le più amate dai turisti, che arrivano qui in piena estate, per apprezzarne le spiagge riparate e il mare cristallino. Tra le tante isole il Giglio è la più ampia, senza considerare ovviamente l’Elba. Il suo fascino è correlato alla distanza dalla costa, ma anche alle piacevoli calette in cui accoccolarsi al sole e alla natura incontaminata. Oggi arrivare all’isola del Giglio è ancora più semplice, grazie al numero di traghetti in partenza ogni giorno, soprattutto in piena estate.

Come si arriva al Giglio
Su un’isola si arriva ovviamente per mare; i traghetti per il Giglio partono da Porto Santo Stefano, nei pressi dell’Argentario. I traghetti per l’isola del Giglio sono molto frequenti in ogni periodo dell’anno, ma da giugno a settembre il servizio è intensificato, per far fronte all’elevato numero di turisti che arrivano qui da tutto il mondo. Queste navi sono in grado di ospitare anche gli autoveicoli, ma non è strettamente necessario avere un’auto sull’isola, che non è eccessivamente grande. Per altro sono disponibili servizi di autobus tra i tre borghi qui presenti, inoltre molti turisti preferiscono spostarsi in bicicletta. Il suggerimento è quindi quello di arrivare a Porto Santo Stefano in treno, oppure di lasciare qui l’auto, per poi proseguire per il Giglio con il traghetto. Le informazioni sul parcheggio Fanciulli del Porto Santo Stefano sono disponibili in rete. L’attracco dei traghetti è nei pressi, quindi si può raggiungere comodamente a piedi.

Dove soggiornare al Giglio
Stiamo parlando di un’isola abbastanza grande, ma non eccessivamente, con 3 piccoli borghi, 2 sulla costa e 1 nell’entroterra. I tre borghi ospitano alberghi e strutture ricettive di vario genere; lo stesso di può dire delle principali zone turistiche dell’isola, come ad esempio la rinomata spiaggia dell’Arenella. Si possono trovare quindi hotel di un certo rilievo, così come soluzioni in B&B e anche campeggi. Ogni viaggiatore può trovare la soluzione che preferisce; l’importante sta nel prenotare per tempo. In estate soprattutto, visto che sono sempre tanti i turisti che di fermano al Giglio ogni anno e chiaramente la capienza delle diverse strutture è limitata. In altri periodi dell’anno è sempre consigliabile verificare che le strutture siano già aperte, visto che nei mesi più freddi il turismo diminuisce in modo sensibile.

I turisti all’isola del Giglio
Come avviene per tutte le isole dell’arcipelago toscano, ogni anno da giugno a settembre il numero di turisti che arriva qui è decisamente molto ampio. Ci sono però alcune precisazioni da fare; una buona fetta di turisti infatti tende ad arrivare al mattino all’isola del Giglio, per fare un tour veloce dell’isola e ripartire nel tardo pomeriggio, con uno dei traghetti disponibili. Fermarsi sull’isola è quindi un comportamento non del tutto comune. Questa è di fatto una fortuna per quei pochi che preferiscono le vacanze senza folla e gente in ogni dove. Sono vari infatti i giorni in cui dopo le 18:00 sull’isola rimangono solo gli abitanti e un ristretto numero di turisti. Ci si può quindi godere al meglio ogni angolo dell’isola, ogni piccola cala e ogni ristorantino sul mare.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply