Europa

Viaggio in Islanda: cosa vedere e quando andare

settembre 10, 2017
islanda

L’Islanda è senza dubbio una delle mete più originali e affascinanti per una vacanza ed è meta da prendere assolutamente in considerazione anche da parte di chi ama i luoghi non troppo freddi.

Islanda, quando andare: il clima

La prima cosa da valutare quando si dovesse decidere di recarsi in vacanza in Islanda è senza dubbio quale sia il periodo migliore per visitarla, considerando la sua particolarissima posizione geografica. Bisogna tenere presente che il clima non è polare come si potrebbe immaginare, ma che la pioggia è elemento atmosferico decisamente ricorrente nelle giornate islandesi. La temperatura può arrivare, nel corso dell’anno, anche a 7-8 gradi sotto zero. Detto questo, qual è il periodo migliore per avventurarsi alla scoperta dell’Islanda? Senza dubbio i mesi che vanno da aprile ad agosto, ovvero quelli primaverili ed estivi.

Cosa vedere in Islanda: i luoghi di interesse

L’Islanda, nonostante la sua non eccessiva estensione ha davvero molto da offrire, a cominciare dalla sua capitale, Reykjavík, che si caratterizza per la vasta offerta museale, visto che in città si contano ben 15 musei. Tra i tanti meritano sicuramente una visita il Sttelmente Exhibition, che consente di scoprire molto sull’epoca vichinga e sui primi insediamenti umani nell’isola. Molto interessante è anche il Museo Nazionale d’Islanda, che consente invece di compiere un interessante viaggio all’interno della storia islandese, dalle origini fino alla seconda metà del secolo scorso. Molto interessante e affascinante per qualsiasi turista è la Laguna Blu, che è tra le piscine naturali più note in tutto il mondo. Si tratta di una delle tante bellezze naturali che l’Islanda è in grado di offrire e si trova a poco meno di un’ora da Reykjavík. E sempre parlando di luoghi naturali, non si può non citare la Laguna Jokulsar, che risale alla prima metà del ‘900 e che si è creata pr effetto dello scioglimento di un ghiacciaio. Questa laguna è profonda poco meno di 200 metri e si possono ammirare gli iceberg che vi galleggiano e, di tanto in tanto, la caduta di giganteschi pezzi di ghiaccio sul fondo della laguna stessa.

Visitare l’Islanda: l’itinerario consigliato

Ovviamente l’Islanda ha tanto altro da offrire oltre ai luoghi di cui si è detto poc’anzi. Tuttavia proprio l’ampia possibilità per quanto riguarda luoghi naturalisticamente affascinanti, impone la necessità di consigliare un itinerario specifico per il proprio viaggio. In questo senso, dopo la visita alla capitale, potrebbe risultare decisamente interessante un itinerario alla scoperta dei tanti parchi nazionali che caratterizzano il paese. Il primo e più importante è sicuramente il Thingvellir National Park, che si caratterizza per il fatto di trovarsi in una zona vulcanica e perché ospita il Thingvallavatn, lago che ha il primato di grandezza in tutta l’Islanda. L’itinerario alla scoperta dei parchi nazionali islandesi potrebbe continuare con il Vatnajökull National Park, che è decisamente da non perdere visto che è un vero e proprio parco di ghiaccio dalle dimensioni davvero notevoli. Molto affascinante è anche il Parco del Vatnajökull: questa riserva naturale piacerà molto sia a chi ama i paesaggi di tipo alpino, sia a chi ama invece quelli vulcanici, tipicamente islandesi.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply